Il LuganoPhotoDays nasce all’inizio del 2012 da un’idea di Marco Cortesi e si pone l’obiettivo di organizzare annualmente a Lugano un festival internazionale della fotografiaa 360 gradi comprendente esposizioni, conferenze, workshop. Il festival propone due concorsi diversi per taglio e impostazione: Reportage and Documentary, e Wildlife and Nature.

LuganoPhotoDays

 

Il vincitore della sezione Reportage and Documentary del LuganoPhotoDays è il fotografo torinese Enrico Carpegna, con un servizio che prende nome “Balcanica”. Uno squarcio visivo sulla nuova “Rotta Balcanica” dei profughi al confine tra la Bosnia Erzegovina e la Croazia.

Per documentare questa “nuova rotta balcanica” e la drammatica situazione dei migranti bloccati in territorio bosniaco, alla fine di novembre 2018, William Bonapace, ricercatore IDOS, Maria Perino, docente dell’Università del Piemonte Orientale e il fotografo Enrico Carpegna hanno fatto un viaggio in Bosnia per registrare dal vivo la difficile situazione.

La penetrante ed espressiva scelta di Carpegna per raccontare visivamente i fatti è stata quella di realizzare intense immagini agli infrarossi dei profughi e del contesto in cui si muovono.

A GazzettaTorino racconta “La scelta della fotocamera a infrarossi, che viene utilizzata solitamente per visioni al buio, caccia notturna di animali, azioni militari offre una visione inedita e precisa dei soggetti fotografati; come fossero individui braccati, spettri delle nostre paure e dell’Europa dalle infinite frontiere e dalle drammatiche periferie”.

Lugano Photo Days

Il progetto Balcanica era stato esposto con rilievo di consenso al Centro Saveriano di Brescia, il prestigioso premio ora conferito dal Lugano Photo Days per questo concorso internazionale premia la capacità di Carpegna di assimilare e restituire in sensibilità una particolare contingenza. Un frangente storico che popola un retroscena oscuro e sfuggente di uomini in transito tra esistenza e scomparsa attraverso immagini che obbligano a tenere fermo in mente, -fermo immagine- , questioni che si cercano di dimenticare.

 

Lugano Photo Days

Enrico Carpegna

Enrico Carpegna è nato a Madrid, ha vissuto l’infanzia in Kenya ed Etiopia e successivamente compiuto gli studi in Italia e negli Stati Uniti. Incontra la Fotografia a 13 anni.

Autodidatta; con Mario Monge instaura un lungo rapporto di amicizia e confronto sulla fotografia. Esercita la professione di fotografo dal 1985 in Italia e all’estero nel campo della fotografia pubblicitaria, moda e beauty. Esordisce come autore con lavori sul tema della ‘Memoria collettiva’, sviluppato secondo declinazioni tematiche che ama definire ‘moduli’.

La sua ricerca attuale è focalizzata, allo stesso modo, sul tema ‘Aquae’ scomposto, anch’ esso, in ‘moduli’ parzialmente realizzati ed inediti.
Ha sperimentato tecniche personali di ripresa e di stampa; applicate in ambito commerciale o finalizzate a mostre tematiche .
Da circa 20 anni tiene corsi di fotografia all’Istituto Europeo di Design di Torino.
Pubblica nel 2006 il libro: ‘Sombras de Tango’. (Perdisa Editore)

 

A partire da quest’esperienza di documentazione è nato inoltre un progetto di un osservatorio permanente on – line (https://www.dossierimmigrazione.it/) per uno sguardo continuativo e aggiornato sulle migrazioni e le politiche in quell’area geopolitica del nostro continente.

LuganoPhotoDays