Il sound elegante e sottile degli Ylamar viene a incantare la città.

Gazzetta Torino è un quotidiano online di informazione sulla città di Torino. notizie torino, concerti a torino, mostre a torino, teatro torino, news torino, sport torino, racconti brevi, torino. Gazzettatorino è il quotidiano on line di Torino: Cronaca e notizie dai principali quartieri della città, e informazioni di sport e cultura.

Astonished. Stupito. 

E’ il genere di risposta, che risale dal grumo di sensi che si aprono a concessione, per ascoltare un brano musicale. E si finisce astonished, quando ci si trova avvolti dalla voce e dal sound di una esile, solo nel numero, band in arrivo con un concerto live in città. Il fondo tre è il numero perfetto.

Ylamar

Ylamar

Gli Ylamar sono un trio nato nella provincia di Cuneo, in quel di Savigliano nel febbraio del 2013. Da 6 anni propongono un loro repertorio musicale con chitarra, due voci, tastiere e il beatbox.

Sarà il Centro Cultura Contemporanea di Torino, ex Birrificio Metzger ad ospitare il progetto Songwriters Palco d’Autore, il luogo dove suoneranno gli Ylamar, trio composto da Ilaria Lorefice, vocals and acoustic guitar, Marco Forgione vocalist and beatboxer e Fabio Donatelli keyboarder. A introdurre il concerto ci penserà la chitarra e la voce del giovane e capace cantautore torinese Pietro Giay.

Ylamar

Pietro Giay

Ondate di suono, tenerezze incredibili, armonie sostenute tra eleganza e una gioia sottile, quasi sommessa, un gusto finissimo senza romanticismo fatto di colori bruni e lunghi respiri d’oltremanica sono la cifra stilistica con cui si sono fatti apprezzare in Italia e all’estero questo singolare gruppo . 

Danzano fra fraseggi leggeri le composizioni che si appoggiano come arcate alle sponde della lingua inglese e italiana. Quando gli si chiede come nascano i loro brani rispondono che gestiscono la loro fase creativa soprattutto in sala prove, vista la particolarità della nostra formazione. “È sicuramente un processo che richiede tempo e maturazione. Partiamo quasi sempre da un’idea del brano che è già stata concepita chitarra-voce da Ilaria e poi iniziamo a improvvisare sia su aspetti ritmici che armonico-sonori. Teniamo bene a mente il “limite” della strumentazione che abbiamo a disposizione e lo utilizziamo come opportunità per costruire un nuovo tipo di arrangiamento: lavorare con il beatbox non è da interpretare come sostituto del batterista. Le percussioni fatte con la voce creano nuovi percorsi percussivi su cui appoggiarsi, e noi ci sperimentiamo sopra, a volte anche avvalendoci della tecnologia (come la possibilità di looppare le voci e il beatbox di modo che Marco possa anche cantare parti solista). Ci lasciamo trasportare dal flusso creativo e arriviamo a definire le soluzioni che ci hanno convinto di più. Il live è il momento in cui capiamo se il pezzo ci convince fino fondo, proprio perchè fino ad oggi abbiamo fatto scelte di arrangiamento che fossero interamente performabili dal vivo, senza l’aggiunta di drum machine o basi, salvo l’inserimento della loop-station appunto, in cui campioniamo però dal vivo le eventuali parti di beatbox/voce. In questi anni la performance live è stato il modo per sperimentare il nostro sound e conoscerlo al meglio”.

Ylamar

Ylamar

Il 17 settembre 2018 è stato pubblicato il loro nuovo album dal titolo “Signs”. Contiene gran parte del repertorio suonato nei concerti durante questi anni d’attività, tra cui molti brani inediti che trovano una versione ricercata e definitiva.

Il concerto sarà l’occasione per sentire dal vivo i nuovi pezzi e capire perché Red Ronnie li sostiene così apertamente.

Pier Sorel

Ylamar

Redazione GT

Author: Redazione GT

Share This Post On