Con oltre centotrenta appuntamenti, si alza in piedi sul proscenio della città, la ricca proposta dell’Unione Musicale per la Stagione 2019-2020 che si articolerà in 59 concerti, 54 laboratori, 10 spettacoli per famiglie e 12 miniconcerti con protagonisti decine di artisti ed ensemble, repertori variegati, dagli autori più classici alle rarità.

La stagione 2019-2020, pur senza farne argomento prioritario della programmazione, non poteva ignorare le celebrazioni per il 250° della nascita di Ludwig van Beethoven. Quindi bando alle premesse andiamo a scoprire cosa verrà servito in quel vassoio sagomato a chiocciola e tutto rosa che sono le nostre orecchie.

I PROTAGONISTI:
Alexander Romanovsky, Alexandre Tharaud, Lisa Larsson con Andrea Lucchesini, Orchestra Antonio Vivaldi di Venezia con Domenico Nordio, Marco Rizzi, Ensemble Odhecaton e Coro da camera di Torino, Ivo Pogorelich, Trio di Parma, Piotr Anderszewski, The King’s Singers, Lilya Zilberstein con i figli Anton e Daniel Gerzenberg, il Trio Metamorphosi con Monica Bacelli, Pietro De Maria, Tetraktis Percussioni, Hespèrion XXI con Jordi Savall, Lucas Debargue, Ian Bostridge, Consort dell’Orchestra Barocca di Venezia con Romina Basso, Nicolas Altstaedt con Alexander Lonquich, Trio Johannes, Maxim Vengerov con Polina Osetinskaya…
LE LINEE TEMATICHE
Il cartellone si presenta anche per linee tematiche: il 2020 sarà anno beethoveniano, che festeggiamo proseguendo l’integrale delle Sonate per violino e pianoforte con Francesca Dego e Francesca Leonardi. Affidiamo i Trii beethoveniani al Trio di Parma (che li alterna a quelli di Mauricio Kagel) e le 32 Sonate per pianoforte a Pietro De Maria, che inizia un ciclo biennale. Le Sonate per violoncello e pianoforte saranno eseguite in una “maratona” da Nicolas Altstaedt accompagnato da Alexander Lonquich.
A dominare la programmazione ci sono ancora i nomi di Schubert e di Schumann, con i recital di Andrea Lucchesini (da solo e con la soprano Lisa Larsson) e la serie Schubertiade, al Teatro Vittoria, che persegue l’ambizioso progetto dell’integrale dei 600 Lieder di Schubert.

ALexandre Tharaud Photo: Marco Borggreve

ATTENZIONE AI GIOVANI TALENTI
Dare spazio ai giovani è da sempre la mission dell’Unione Musicale: saranno con noi i violinisti Emmanuel Tjeknavorian, Laura Marzadori (primo violino della Scala), Francesca Dego con la pianista Francesca Leonardi, Stephen Waarts, Alexandra Conunova e Lara Boschkor; i violoncellisti Kian Soltani e Anastasia Kobekina; i pianisti Martina Filjak, Maddalena Giacopuzzi, Philipp Kopachevsky, Aaron Pilsan, David Kadouch e il fisarmonicista Pietro Roffi, il Quartetto Indaco, cui si aggiungono tanti altri cameristi, cantanti e pianisti che si esibiranno sui nostri palcoscenici anche grazie alla collaborazione con il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino.
PROGETTI DI AUDIENCE ENGAGEMENT
Dopo il successo delle scorse stagione (con il coinvolgimento di un migliaio di persone ad annata, di cui circa un terzo sotto i 12 anni) Short Track. 30 minuti di classica per tutti torna con quattro nuovi miniconcerti (il sabato pomeriggio in tre orari consecutivi: 17, 18 e 19) dedicati ai “non intenditori” di ogni età: un percorso informale e divertente per scoprire il bello della classica e parlarne a ruota libera direttamente sul palco del Teatro Vittoria insieme agli esecutori.
L’incoraggiante esito di Short Track ci ha confermato il fatto che la bellezza della musica classica può affascinare anche un pubblico non avvezzo se all’ascolto si unisce una spiegazione semplice e la possibilità di conversare a tu per tu con gli interpreti. Quindi per la Stagione 2019-2020 l’Unione Musicale propone Camera delle meraviglie, il nuovo progetto pensato per tutti coloro – neofiti o appassionati – che vogliono scoprire le ragioni della bellezza della musica da camera: 6 concerti con capolavori del repertorio cameristico saranno suonati e raccontati dialogando con il pubblico.

 
BAMBINI E FAMIGLIE
Forti dell’ottimo costante riscontro ottenuto dalle attività per la prima infanzia, tornano i laboratori per i più piccoli, con proposte pensate ad hoc per le diverse fasce di età: Ateliebebè. Primi suoni con mamma e papà (per bambini da 0 a 18 mesi), Noteingioco. Divertirsi con la musica (per bambini da 2 a 3 anni) e Musicaintasca. Canti e danze dal bosco (per bambini dai 3 ai 4 anni).
Per i più grandicelli (a partire dai 4 anni) abbiamo pensato i cinque appuntamenti di Raccontami una nota, spettacoli di teatro musicale per tutta la famiglia dove la musica, rigorosamente eseguita dal vivo, è parte integrante della storia, per emozionare grandi e piccini con l’universo dei suoni e le avventure di animali curiosi, marionette e pupazzi, cantastorie e personaggi fantastici come Cenerentola, Pierino (e il lupo!) o Capricciolò, il violino di Paganini.
Unione Musicale onlus – piazza Castello, 29 – 10123 Torino – tel. 011 5669811 –
http://www.unionemusicale.it