Candide, friabili, nivee, inspiegabilmente fatte di carta sono le tazze che dormono sotto teca, come principesse toccate da malefici incantesimi. Nel mutamento di materiale, ma non di forma e funzione, c’è tutta la perizia metafisica che Matilde Domestico impiega in quest’opera dal titolo “Esistenza di Porcellana”, ospitata a Palazzo Madama in occasione della mostra: Il Mondo in una tazza; Storie di porcellana.
L’installazione dell’artista rievoca il mondo della poetessa americana Emily Dickinson, la sua esistenza, il suo ritiro nella casa scrigno, la carta, le parole. Per esibire quella ferita sottile e splendente che è la poesia, le tazze di carta sono percorse da sottili graffi metallici, come impunturate di parole evocative che riportano in superficie alcuni versi della Dickinson.

Immobili e segrete, abituate a contenere senza concedere mai una stilla del proprio sapore, concedono di accarezzare la loro pelle levigata senza rivelare nulla delle paste segrete e dei colori con cui sono state fatte. Le porcellane hanno sempre posseduto un valore socialmente rappresentativo, legate indissolubilmente all’introduzione in Europa delle bevande calde provenienti dall’Oriente e dal Nuovo Mondo e al materiale esotico e prezioso per eccellenza, la porcellana.
A Palazzo Madama la sequenza di tazze, a partire dai blancs-de-chine, ovvero le porcellane bianche cinesi prodotte a Dehua, mostra l’evoluzione delle forme e la varietà dei decori nelle tazzine prodotte dalle manifatture europee nel Settecento: dai motivi di origine cinese e giapponese, a quelli tratti dai libri di storia naturale, ai paesaggi derivati da incisioni olandesi e tedesche, fino alle scene mitologiche e della letteratura cavalleresca.
L’esposizione si riallaccia al tema della porcellana torinese al centro di “Fascino e splendore della porcellana di Torino mostra curata da Andreina d’Agliano e Cristina Maritano che apre in contemporanea alla Fondazione Accorsi-Ometto e che presenta ben 90 opere provenienti dalle collezioni di Palazzo Madama . http://www.palazzomadamatorino.it/mostra.php?id_evento=253
Le due esposizioni offrono nel complesso un vero e proprio percorso cittadino dedicato al tema della porcellana.