I suoni del gusto: una nuova frontiera per la degustazione, a proporlo il Turin Palace Hotel.

Gazzetta Torino è un quotidiano online di informazione sulla città di Torino. notizie torino, concerti a torino, mostre a torino, teatro torino, news torino, sport torino, racconti brevi, torino. Gazzettatorino è il quotidiano on line di Torino: Cronaca e notizie dai principali quartieri della città, e informazioni di sport e cultura.

Contaminazione e multisensorialità: l’approccio gourmet di nuova generazione crede nei sodalizi tra le arti e punta all’armonizzazione delle esperienze, affidate ai 5 sensi, con l’obiettivo di coinvolgere il commensale ben oltre la semplice degustazione.

Turin Palace Hotel

La terrazza del Turin Palace Hotel

Se il food design ha fatto da apripista, ora ad occupare la scena è il trittico cibo-vino-musica in una variante inattesa, complice il contributo di professionalità sempre più dedicate alla valorizzazione del food. Ne è un esempio il sound sommelier che abbina una solida conoscenza del mondo vinicolo ad una competenza specifica dell’universo delle 7 note. Risultato?

Il valore dell’assaggio viene amplificato dalla corretta combinazione tra etichetta-portata-armonia musicale.  Va in questa direzione la proposta de Les Petites Madeleines  che, dal 15 luglio, propone “I suoni del gusto”.

Nell’anno in cui si ricorda il centenario della nascita di Leonard Bernstein e il Museo Nazionale del Cinema organizza la mostra #Soundframes (26 gennaio 2018 – 7 gennaio 2019), il ristorante del Turin Palace Hotel celebra l’iniziativa offrendo ai propri ospiti l’opportunità di assaggiare tre proposte della Carta – “Risotto, prezzemolo, bottarga, limone candito” abbinato a Langhe Doc Arneis 2017 “Blangè” Ceretto, “La mia versione di Bouillabaisse” associato a Nebbiolo d’Alba Doc 2016 “Bernardina” Ceretto  e “Cioccolati, cacao e meringa con cuore di sorbetto al kiwi” con  Barolo Chinato Cocchi” – nella variante multisensoriale. Da sottolineare l’opportunità estiva di usufruire di una mirabile terrazza con vista sulla città.

Turin Palace Hotel

Le portate saranno infatti servite con auricolari/cuffiette in cui verranno diffusi brani musicali ad hoc, una presentazione esplicativa della scelta sonora e una chiavetta USB con le ricette dei piatti assaggiati e relativi mp3 musicali cosi da poter replicare autonomamente l’esperienza. 

Con “I suoni del gusto” – spiega Piero Marzot alla guida del “Turin Palace Hotel” – vogliamo sottolineare il rapporto di forte identificazione tra la nostra struttura, il territorio e  la città, espresso da un “sentire” comune e dalla condivisione di iniziative di valore come la mostra #Soundframes, ma anche proporre a chi ci sceglie  un’esperienza non convenzionale capace di aprire nuove prospettive nel vivere la degustazione”.

Turin Palace Hotel

Nata dal dialogo e dal lavoro congiunto di tre talenti – Stefano Sforza (Executive Chef Les Petites Madeleines) per la scelta dei piatti e Luca Gigliotti (Sommelier Les Petites Madeleines) per la selezione dei vini, Paolo Scarpellini (Sound Sommelier) per l’abbinamento musicale – e di tre arti (gastronomia, enologia, musicologia), “I Suoni del Gusto” potrà essere sperimentato sino al 7 Gennaio 2019, data di chiusura dell’esposizione alla Mole.

Axel Ottone

 

Turin Palace Hotel

Redazione GT

Autore: Redazione GT

Condividi questo articolo su