libertà | GazzettaTorino https://www.gazzettatorino.it/wordpress Testata giornalistica dedicata all’informazione locale Tue, 27 Aug 2019 13:11:50 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.2.7 Promuovere i valori dell'Unione Europea premia. Candidature aperte fino al 7 settembre. https://www.gazzettatorino.it/wordpress/unione-europea-2/ https://www.gazzettatorino.it/wordpress/unione-europea-2/#respond Mon, 23 Jul 2018 11:05:56 +0000 http://www.gazzettatorino.it/?p=19189 Il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) organizza, come tutti gli anni, l’edizione del Premio per la Società civile. Il tema di quest’anno è “Identità, valori europei e patrimonio culturale in Europa” e si rivolge alle organizzazioni della società civile che svolgono un ruolo cruciale per la valorizzazione del patrimonio culturale europeo e la promozione della ricchezza che nasce dalle diversità culturali che […]

L'articolo Promuovere i valori dell'Unione Europea premia. Candidature aperte fino al 7 settembre. proviene da GazzettaTorino.

]]>
Il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) organizza, come tutti gli anni, l’edizione del Premio per la Società civile. Il tema di quest’anno è “Identità, valori europei e patrimonio culturale in Europa” e si rivolge alle organizzazioni della società civile che svolgono un ruolo cruciale per la valorizzazione del patrimonio culturale europeo e la promozione della ricchezza che nasce dalle diversità culturali che hanno popolato e popolano la storia europea.
Unione Europea
L’importo totale, pari a 50 mila euro verrà assegnato a un massimo di cinque vincitori. Sarà possibile presentare le candidature fino al 7 settembre 2018 e possono candidarsi tutti:  dalle organizzazioni della società civile attive a livello locale, nazionale o europeo, ai privati cittadini.
Il premio intende assegnare un riconoscimento alle iniziative innovative che hanno contribuito in modo significativo ad affrontare sfide come: sensibilizzare alla stratificazione e ricchezza delle identità europee, trarre il massimo profitto dalla ricchezza culturale dell’Europa, migliorare la fruibilità del patrimonio culturale europeo e promuovere i valori europei (ad es., rispetto della dignità umana e dei diritti umani, libertà, democrazia, uguaglianza e stato di diritto).
Per ulteriori informazioni:
https://www.eesc.europa.eu/en/news-media/news/2018-eesc-civil-society-prize-launched
Unione Europea

L'articolo Promuovere i valori dell'Unione Europea premia. Candidature aperte fino al 7 settembre. proviene da GazzettaTorino.

]]>
https://www.gazzettatorino.it/wordpress/unione-europea-2/feed/ 0
«Un anno eccezionale per la censura» Così Reporter sans Frontieres. Italia al 77°esimo posto. https://www.gazzettatorino.it/wordpress/14569-2/ https://www.gazzettatorino.it/wordpress/14569-2/#respond Tue, 03 May 2016 15:43:02 +0000 http://www.gazzettatorino.it/?p=14569 Oggi, il 3 maggio, è la Giornata mondiale della libertà di stampa, così dichiarata dall’Unesco: World Press Freedom Day 2016.  La libertà di stampa è in consistente e preoccupante declino, questo è quanto emerge dal rapporto 2016 sullo stato dell’informazione realizzato da Reporter senza frontiere (Rsf). Un dato che dovrebbe essere valutato come allarmante, e che evidenzia, se ancora ce […]

L'articolo «Un anno eccezionale per la censura» Così Reporter sans Frontieres. Italia al 77°esimo posto. proviene da GazzettaTorino.

]]>
carte_fr_pdf_2016_0
Oggi, il 3 maggio, è la Giornata mondiale della libertà di stampa, così dichiarata dall’Unesco: World Press Freedom Day 2016. 
La libertà di stampa è in consistente e preoccupante declino, questo è quanto emerge dal rapporto 2016 sullo stato dell’informazione realizzato da Reporter senza frontiere (Rsf). Un dato che dovrebbe essere valutato come allarmante, e che evidenzia, se ancora ce ne fosse bisogno la minaccia rivolta al giornalismo indipendente e alla libertà di stampa.
L’Italia, nel mondo è classificata al 77°posto , e non è un buon posto per un paese civile,  posto perdendo quattro posizioni rispetto all’ultimo rapporto risalente al 2014. Le motivazioni risiedono nella constatazione che “fra i 30 e i 50 giornalisti” sarebbero sotto protezione della polizia per minacce di morte o intimidazioni.
I parametri di valutazione dell’organizzazione sono “Pluralismo, indipendenza dei media, ambiente di riferimento, autocensura, provvedimenti di legge in materia, trasparenza, infrastrutture e abusi”. Dal 2013 si è registrato un forte regresso di tali parametri. Le infrastrutture sono calate del 16%; l’autocensura del 10% in seguito alla promulgazione di leggi e provvedimenti volti a penalizzare i giornalisti accusati di “vilipendio”, “blasfemia” e “apologia del terrorismo”.
Alla luce delle analisi di Rsf è palese lo sconfortante declino europeo, “la progressiva erosione del modello europeo” causato dalle molteplici leggi antiterrorismo e dalla “approvazione di leggi per la sorveglianza di massa, crescenti conflitti di interesse e un controllo sempre maggiore sui media di Stato e anche privati”. È quanto si legge nel rapporto.
La professione del giornalista europeo è ostacolata altresì dal conflitto di interessipoiché i media sono sempre più spesso di proprietà di grandi società che coltivano interessi di altra natura. È il caso della Francia (45esima posizione), della Bulgaria (113esima posizione) e della Macedonia (118esima posizione). In Italia si è, invece, rilevato un aumento del numero delle perquisizioni con l’intento di violare le informazioni e le fonti giornalistiche.
Il rapporto Rsf dedica una sezione al caso italiano di Vatileaks e il quotidiano La Repubblica.
La Finlandia conserva il primato dal 2014 come paese con la miglior libertà di stampa. Al secondo posto l’Olanda e in terza posizione la Norvegia. Dopo l’Europa si piazza l’Africa, con grande sorpresa. L’Asia, invece, conferma la drammaticità della sua condizione in materia di libertà di espressione e di stampa.


Reporter senza frontiere ha dedicato a questa analisi una serie di foto dei dittatori, o leader mondiali che festeggiano la loro vittoria sulla stampa. Rappresentati con un calice in mano dodici leader mondiali, dal russo Vladimir Putin all’egiziano Abdel Fattah al-Sisi, ricordano quanta cicuta versano contro le voci dell’informazione.
www.rsf.org

The Serendipitous Story of Sildenafil tessuto erettile: An Unexpected Oral Therapy for Erectile Dysfunction.

L'articolo «Un anno eccezionale per la censura» Così Reporter sans Frontieres. Italia al 77°esimo posto. proviene da GazzettaTorino.

]]>
https://www.gazzettatorino.it/wordpress/14569-2/feed/ 0
GIORNO DELLA MEMORIA 2016 https://www.gazzettatorino.it/wordpress/giorno-della-memoria-2016/ https://www.gazzettatorino.it/wordpress/giorno-della-memoria-2016/#respond Fri, 22 Jan 2016 12:50:44 +0000 http://www.gazzettatorino.it/?p=13549 Le iniziative in città per non dimenticare. Era il 27 gennaio del 1945 quando le truppe sovietiche liberarono il lager di Auschwitz scoprendo il tristemente famoso campo di concentramento e liberandone i superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono per la prima volta al mondo intero l’orrore del genocidio nazista. Dal […]

L'articolo GIORNO DELLA MEMORIA 2016 proviene da GazzettaTorino.

]]>
Le iniziative in città per non dimenticare.

Era il 27 gennaio del 1945 quando le truppe sovietiche liberarono il lager di Auschwitz scoprendo il tristemente famoso campo di concentramento e liberandone i superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono per la prima volta al mondo intero l’orrore del genocidio nazista.
MemoriaDal 2000 è stato istituito dal Parlamento italiano il “Giorno della Memoria”, ricorrenza internazionale che si celebra il 27 gennaio giorno in cui la nazione ricorda, si, perché serve proprio a questo, a non dimenticare le sofferenze di allora, per saper scegliere di evitare nuove sofferenze oggi, ad altri popoli e ad altre persone, in qualsiasi parte del mondo.
Ogni anno, intorno a questa data girano molteplici iniziative, si organizzano cerimonie, incontri e momenti comuni di narrazione e riflessione allo scopo di tenere vivo il ricordo nella coscienza collettiva.
Il ricco calendario che Torino propone è promosso e sostenuto dal Consiglio Regionale del Piemonte – Comitato Resistenza e Costituzione, dal Consiglio Provinciale di Torino – Comitato Resistenza e Costituzione e dalla Città di Torino, con il coordinamento del Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà.
Gli appuntamenti da ricordare sono molti, ne segnaliamo alcuni:
– “PIETRE D’INCIAMPO TORINO 2016
giovedì 14 – venerdì 15 – sabato 16 gennaio
Per il secondo anno Torino accoglie le pietre d’inciampo, monumento diffuso ideato e realizzato dall’artista tedesco Gunter Demnig per ricordare le singole vittime della deportazione nazista e fascista. Saranno messe a dimora quaranta pietre in diversi luoghi della città.
– “ANNE FRANK. UNA STORIA ATTUALE
Vercelli dal 22 al 31 gennaio
Mostra realizzata dalla Anne Frank House di Amsterdam al Museo archeologico civico, sarà aperta da lunedì a venerdì dalle 15 alle 17.30; sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Visite guidate per le scuole su prenotazione. L’inaugurazione il 22 gennaio, alle 10.
– “26 PICCOLI ARTISTI – 26 GRANDI OPERE
Da mercoledì 13 a venerdì 29 gennaio
Biblioteca Civica Centrale, via della Cittadella 5
I disegni dei bambini a seguito dell’incontro con Franco Debenedetti Teglio, testimone della drammatica storia della sua famiglia dalle leggi razziali alla Shoah. I 26 alunni della classe 5^ D a.s. 2014/15 della Scuola primaria Tommaseo hanno realizzato ognuno un disegno, registrando poi il commento audio che accompagnerà la visita alla mostra.
Per conoscere il programma completo clicca qui

Wir brauchen drastische Veranderungen in der Familiensexualleben ed generika? Es https://fastgooderection.com/ gekauft blaue Pille Viagra billig.

L'articolo GIORNO DELLA MEMORIA 2016 proviene da GazzettaTorino.

]]>
https://www.gazzettatorino.it/wordpress/giorno-della-memoria-2016/feed/ 0
Chi è Raif Badawi ? E perché ha ricevuto il Premio Sacharov ? Forse ci riguarda. https://www.gazzettatorino.it/wordpress/chi-e-raif-badawi/ https://www.gazzettatorino.it/wordpress/chi-e-raif-badawi/#respond Fri, 18 Dec 2015 16:13:35 +0000 http://www.gazzettatorino.it/?p=13337 Per chi non lo sapesse Badawi è un blogger saudita, un sostenitore della libertà di pensiero e di espressione.  Per ciò che scriveva è stato condannato a dieci anni di carcere, 1.000 frustate, 50 ogni venerdì dopo la preghiera ed una multa. L’accusa è quella di aver dato spazio a messaggi considerati blasfemi dalle autorità saudite […]

L'articolo Chi è Raif Badawi ? E perché ha ricevuto il Premio Sacharov ? Forse ci riguarda. proviene da GazzettaTorino.

]]>

Per chi non lo sapesse Badawi è un blogger saudita, un sostenitore della libertà di pensiero e di espressione.  Per ciò che scriveva è stato condannato a dieci anni di carcere, 1.000 frustate, 50 ogni venerdì dopo la preghiera ed una multa. L’accusa è quella di aver dato spazio a messaggi considerati blasfemi dalle autorità saudite sul suo sito web, un sito che promuoveva il dibattito sociale, politico e religioso .
Questo il motivo per cui il Parlamento Europeo ha deciso di dedicargli il Premio Sakharov per la libertà di pensiero. Andrej Dmitrievič Sacharov ricevette nel 1975 il premio Nobel per la pace e dal 1988 il Parlamento Europeo lo assegna con un cerimonia ufficiale. A ricevere il Premio è stata la moglie di Badawi Ensaf Haidar, la targa è poi stata appoggiata su una sedia volutamente vuota, lì dove avrebbe dovuto esser seduto Raif.
Il Presidente del PE ha anche chiesto l’amnistia al re Salman d’Arabia Saudita e di liberare immediatamente e incondizionatamente Raif Badawi; alle molte domande dei giornalisti Shulz ha detto che l’Unione Europea sta facendo tutto quanto è possibile, ed il Premio è un segnale molto forte.
La prima serie di frustate pubbliche, inferte nel gennaio del 2015 hanno provocato grandi proteste a livello internazionale. Attualmente si trova in carcere in isolamento, “Badawi è diventato un simbolo e un riferimento per tutti quelli che combattano per i diritti fondamentali nella regione, e oltre” ha sottolineato il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz durante la cerimonia. “Nonostante i rischi, attraverso la sua attività di blogger ha coraggiosamente incoraggiato il pensiero libero esercitando la sua libertà di espressione e colmando un vuoto lasciato dalla mancanza di libertà di stampa nel suo paese“.
Purtroppo questo non è un evento insolito nella storia del Premio Sacharov. Fra molti altri, Aung San Suu Kyi, Premio Sacharov 1990, ha vinto il premio mentre era agli arresti domiciliari e ha ricevuto il premio di persona 23 anni più tardi.
Raif Badawi ha avuto il coraggio di alzare la voce e dire no alle barbarie. Ecco perché lo hanno punito” ha dichiarato Ensaf Haidar, la moglie dell’attivista per i diritti umani saudita.
I liberi pensatori arabi sono abituati a nascondere le proprie idee per riuscire ad andare avanti” ha ricordato la moglie Ensaf Haidar, citando il marito durante la cerimonia a Strasburgo. “Le idee libere e aperte sono considerate blasfeme nell’ideologia adottata dalle società arabe, in cui ogni pensiero libero è decadenza e una deviazione rispetto al vero cammino“.
Haidar ha poi ringraziato il Parlamento europeo per il premio: “Il conferimento del Premio Sacharov a Raif Badawi è momento storico. Un atto di coraggio per tutti coloro che hanno sostenuto Raif“.

Viagra è il nome commerciale di un farmaco molto popolare e rinomato nel trattamento della disfunzione erettile Ivermectin

L'articolo Chi è Raif Badawi ? E perché ha ricevuto il Premio Sacharov ? Forse ci riguarda. proviene da GazzettaTorino.

]]>
https://www.gazzettatorino.it/wordpress/chi-e-raif-badawi/feed/ 0