Jacqui McShee | GazzettaTorino https://www.gazzettatorino.it/wordpress Testata giornalistica dedicata all’informazione locale Mon, 26 Aug 2019 13:54:44 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.2.7 Il FolkClub riparte. La musica che gira intorno arriva nella sua cantina per la XXIX stagione. https://www.gazzettatorino.it/wordpress/15853-2/ https://www.gazzettatorino.it/wordpress/15853-2/#respond Mon, 10 Oct 2016 10:22:54 +0000 http://www.gazzettatorino.it/?p=15853 Il FolkClub è ripartito. Forte di un grande consenso da parte di pubblico e critica conferma la sua posizione di realtà unica e di primissimo piano. I concerti di ottobre sono un concentrato dei mondi musicali che la programmazione di Paolo Lucà e Davide Valfrè propongono con passione e cura: infatti dopo 17 anni è ritornata al FolkClub […]

L'articolo Il FolkClub riparte. La musica che gira intorno arriva nella sua cantina per la XXIX stagione. proviene da GazzettaTorino.

]]>
12510460_1033409030035226_9096454757778044098_n

Il FolkClub è ripartito. Forte di un grande consenso da parte di pubblico e critica conferma la sua posizione di realtà unica e di primissimo piano.
I concerti di ottobre sono un concentrato dei mondi musicali che la programmazione di Paolo Lucà e Davide Valfrè propongono con passione e cura: infatti dopo 17 anni è ritornata al FolkClub la mitica voce dei Pentangle, Premio Tenco 2015, Jacqui McShee, vero e proprio punto di riferimento del folk revival inglese e internazionale, sia con i Pentagle che con la formazione con cui sarà in Via Perrone, i Take Three (giovedì 6 ottobre). Sabato 7 è stata la volta della grande musica d’autore con la presentazione del nuovo album di Michele Gazich, La Via del Sale. 

Nel primo mese di programmazione c’è uno dei concerti imperdibili della stagione, un momento di esaltazione per l’eccezionale incontro fra due pazzi geniali, entrambi di casa al FolkClub, il mostro mitologico Bobocephus plasmato da Bocephus King e Bobo Rondelli(venerdì 14). Non finisce la festa il giorno dopo, sabato 15 ottobre, quando palco e microfoni saranno di UMAMI, l’ensemble di musica latina di Miguel Acosta, che festeggia i trent’anni di attività. Sono di casa al FolkClub anche i Birkin Tree, la miglior irish banditaliana: ecco allora che Michel Balatti, l’ottimo flautista della banda, non poteva che scegliere il FolkClub, il 27 ottobre, per presentare il suo primo album solista. Il mese si conclude poi con la prima tappa della fondamentale rassegna nella rassegna RadioLondra che propone Liane Carroll, pianista e cantante dall’energia travolgente che fece registrare un entusiasta sold out nel 2013 (venerdì 28).

Grandissima qualità e varietà delle proposte artistiche sono le caratteristiche dell’intera programmazione del Club: anticipata dal concerto di Liane Carroll l’ottava edizione di RadioLondra, con la consulenza artistica di Enzo Zirilli, porterà in scena grandi nomi del Jazz Inglese  come Ian Shaw vocalist dalle moltissime collaborazioni fra le quali quella con David Bowie (14 gennaio) e Jason Rebello per anni pianista di Sting (11 marzo). Il jazz non sarà solo quello di RadioLondra perché con grandi nomi come Mauro Ottolini (in trio il 3 febbraio) e il duo Soupstar di Gianluca Petrella e Giovanni Guidi (4 marzo) il FolkClub arricchisce la sua collezione de “i migliori jazzisti italiani”.

Ritornano nel 2016-2017 le Buscadero Nights (alle settima edizione) con i migliori SONGWRITER E TALENTI DELLA SCENA AMERICANA che dopo l’esordio di stagione con Bobocephus, il concerto di Bocephus King e Bobo Rondelli, propongono gli incontri in musica con Carrie Rodriguez folksinger e violinista già al fianco di John Prine e Lucinda Williams (25 novembre) e la già attesissima serata con il songwriter James McMurtry (24 febbraio).
Non può mancare la MUSICA POPOLARE ITALIANA con i suoi grandi personaggi: Peppe Voltarelli – recentissimo vincitore della Targa Tenco 2016 per l’interprete – canta Otello Profazio (19 novembre)Filippo Gambetta vincitore del Premio Nazionale per la Musica Popolare Città di Loano (28 gennaio), e il grande Cisco accompagnato dai vecchi sodali nei Modena City Ramblers Cottica e Rubbiani, che si presentano come “I Dinosauri” (18 febbraio).

A grande richiesta dopo il successo dell’anno scorso, ritorna Alessio Lega con le sue serie di concerti-lezione dedicati alla storia della canzone italiana, quest’anno il titolo è “Vinili” e nelle 5 serate, accompagnato dal fido Guido Baldoni, eseguirà integralmente 10 vinili storici, da De André a Gaetano, da Dalla a Guccini, da De Gregori a Bertoli (13 gennaio, 10 febbraio, 10 marzo, 7 aprile, 5 maggio). La canzone d’autore non si esaurisce con il ciclo di Lega: l’ottima cantautrice genovese Giua (19 gennaio), il tesoro nascosto della canzone d’autore italiana Flavio Giurato, per la prima volta a Torino (27 gennaio) e soprattutto la grande serata di omaggio a Gianmaria Testa del 17 dicembre.
La nuova stagione consolida con una partnership formale la stretta relazione di amicizia fra il FolkClub e Il Giornale della Musica, che ne diventa media partner ufficiale.

La politica del tesseramento: la tessera, che rimane vitalizia per tutti, è confermata a 10 € con una consumazione inclusa, ed è confermata la riduzione, introdotta lo scorso anno, del 50% per gli under 30 anche per la tessera, 5 € con consumazione inclusa, così come si conferma anche nel 2016-2017 lo sconto del del 50% del biglietto di ingresso per gli Under 30 (FolkClub è l’unica realtà in Torino a portare avanti un’iniziativa di questo tipo, da ormai 12 anni e senza alcun contributo esterno nel merito), iniziativa che lo scorso anno ha subito una vera e propria impennata passando dal 13% dell’anno precedente al 18% di utilizzi.

Hi, I do think this is an excellent web Pilules d’érection.

L'articolo Il FolkClub riparte. La musica che gira intorno arriva nella sua cantina per la XXIX stagione. proviene da GazzettaTorino.

]]>
https://www.gazzettatorino.it/wordpress/15853-2/feed/ 0