Nel Roero incantato Govone si trasforma nel Magico paese di Natale.

Gazzetta Torino è un quotidiano online di informazione sulla città di Torino. notizie torino, concerti a torino, mostre a torino, teatro torino, news torino, sport torino, racconti brevi, torino. Gazzettatorino è il quotidiano on line di Torino: Cronaca e notizie dai principali quartieri della città, e informazioni di sport e cultura.

Se il Natale fosse un luogo sarebbe una collina del Roero. Avrebbe il sapore nocciola e dei tortellini del plin accompagnati da litri di Barolo. La neve cadrebbe leggera su un castello da favola, antica residenza sabauda, e si potrebbe fare shopping fra decine di bancarelle provenienti da tutta Italia, mentre i bambini sognerebbero ad occhi aperti in attesa di incontrare Babbo Natale.

Magico paese di Natale

Che non sarebbe solo nella sua grande casa, ma accudito da elfi e fatine sempre al suo servizio. Se il Natale fosse un luogo sarebbe Govone, la meravigliosa cittadina del Roero, al confine con le Langhe, immerso in quell’angolo di paradiso piemontese che tutto il mondo ci invidia, a poco più di 50 chilometri da Torino.

Deve averla pensata proprio così Pier Paolo Guelfo, classe 1980, e ideatore del Magico Paese di Natale, l’evento dedicato alle festività, unico nel suo genere, che continuerà fino al 23 dicembre. Non un semplice mercatino, non un villaggio qualunque, ma un intero paese che una volta all’anno, per un mese, si trasforma nel Magico Paese di Natale creando un’atmosfera dickensiana da favola in grado di fare sognare anche il più rigoroso degli agnostici.

Al punto che “c’è un consiglio che mi sento di dare ai visitatori: lasciatevi trasportare in questo meraviglioso viaggio“, spiega Guelfo. Un viaggio che inizia dalle cento bancarelle allestite per il paese, passa fra laboratori, giostre, cioccolate calde, vin brulè e si conclude nella casa di Babbo Natale, realizzata, appunto, all’interno del castello sabaudo di Govone, dove è possibile ammirare anche un’ampia mostra di presepi.

Magico paese di Natale

Govone by night

Ed è sufficiente avvicinarsi a quella collina per capire che il Magico Paese di Natale ha qualcosa di alchemico davvero, al punto da spingere gli stessi abitanti di Govone a partecipare a questa meravigliosa esperienza da protagonisti. Ogni weekend la cittadina viene chiusa al traffico con l’aiuto di decine di volontari che si adoperano per dirigere il traffico, guidare i visitatori e spiegare loro le modalità dell’accesso ai punti d’interesse mentre in sottofondo si possono ascoltare le canzoni più famose della tradizione natalizia e diffuse dagli altoparlanti.

Magico paese di Natale

Pier Paolo Guelfo

Nulla è lasciato al caso durante il mese che anticipa la festa, la magia è di rigore e sognare diventa un obbligo. “Lavoriamo tutto l’anno solo per questo momento – spiega ancora Pier Paolo Guelfo – realizzare un intero paese di Natale comporta sacrifici enormi e un lavoro che dura ininterrottamente dodici mesi su dodici. Ma, alla fine, ne vale sempre la pena”.

Provare per credere, così come da provare sono le specialità piemontesi del ristorante La Locanda, che per l’intera durata della manifestazione propone il menù a 15 euro a persona. E così come da provare è l’emozione di vedere il castello sabaudo aperto dagli elfi prima di accompagnare gli ospiti alla scoperta di Santa Claus. Magia nella magia di un territorio che non ha eguali, di un panorama che era lì ammirato e non aspettava altro che essere scoperto e addobbato. Ci ha pensato il Natale.

Tutte le info su

http://www.magicopaesedinatale.com

Redazione GT

Autore: Redazione GT

Condividi questo articolo su