A Carmagnola il Mese della Cultura. Grandi mostre, musica, letteratura e gastronomia.

Gazzetta Torino è un quotidiano online di informazione sulla città di Torino. notizie torino, concerti a torino, mostre a torino, teatro torino, news torino, sport torino, racconti brevi, torino. Gazzettatorino è il quotidiano on line di Torino: Cronaca e notizie dai principali quartieri della città, e informazioni di sport e cultura.

Il 1 giugno inizia per la cittadina di Carmagnola un mese speciale. L’Assessorato alla Cultura della città ha organizzato “Il Mese della cultura”: un ricco calendario di eventi, per trasformare i fine settimana in una grande occasione per coinvolgere i cittadini, chiamare visitatori, offrendo mostre, musica, beni architettonici da scoprire e poi letteratura gastronomia il tutto a dimostrare, come se ce ne fosse bisogno, che la cultura può davvero rendere viva e dinamica una città.

 

Tra le molteplici offerte spicca una mostra di indubbio pregio, malgrado il nome scelto per promuoverla sappia di cantoria ottocentesca, che propone un ricco excursus di opere lungo epoche stili artistici diversi, che prende avvio dal XV secolo fino ai maestri del ‘900. Il mese della cultura non poteva avere miglior inizio che con la mostra Donne e Madonne nell’Arte dal XV secolo a oggi, organizzata dal Comune di Carmagnola e dall’Associazione “Amici di Palazzo Lomellini”, la cui inaugurazione sarà venerdì 1° giugno e resterà aperta fino al 29 luglio nelle sale di Palazzo Lomellini nel centro di Carmagnola.

Per il pubblico sarà una vera scoperta imbattersi in nella sezione chiamata Magnificat, un nome scelto per contestualizzare la raffinata raccolta di sculture di arte africana della collezione di Bruno Albertino e Anna Alberghina, che entreranno in dialogo con le opere di importanti maestri della pittura dal XV secolo a oggi sul tema universale della donna e della madre.

 

Le opere in mostra, individuate per qualità e pregio, sono prevalentemente lignee e risalgono ad un periodo che va dalla fine dell’800 alla prima metà del ‘900.  Appartengono a svariate culture dell’Africa occidentale e centro-equatoriale e compaiono in numerose pubblicazioni di settore. La donna riveste da sempre un ruolo fondamentale nelle società tradizionali africane.

In tutte le civiltà l’evento della maternità è sacralizzato, spesso divinizzato, fino a diventare la metafora della genesi. Per magnificare questo gesto millenario l’artista africano, utilizzando infinite soluzioni formali, sa sempre sorprendere, esprimendo sentimenti e sensazioni frutto dell’amore materno.

La figura femminile rappresentia uno dei cardini dell’iconografia africana come, peraltro, si osserva in tutte le arti figurative delle società umane. Tuttavia, l’Occidente ammira la scultura dell’Africa nera per la sua ricchezza stilistica e inventiva formale, perdendo di vista il valore rituale che essa ha, invece, per i popoli che la producono.  Si tratta, infatti, di oggetti di culto, creati per favorire il rapporto con il sovrannaturale.  E’ bene tenere sempre in considerazione questo aspetto per non osservare le sculture africane come mero oggetto di contemplazione.

Il Sindaco Ivana Gaveglio, interpellato dal giornale per l’occasione, non nasconde la sua soddisfazione e la voglia di osare, proponendo un programma inedito, non scontato e in grado di adattarsi alle diverse sensibilità dei cittadini.

 

Ma ecco cosa ci riserva questo giugno carmagnolese dedicata alla cultura.

“Portici da Leggere”: Fiera del Libro per gli appassionati della letteratura di ogni genere. Case editrici e librerie in esposizione, incontri con autori, concerti, visite alla scoperta dei beni culturali.

Domenica 4 giugno, dalle ore 9,00 nel centro storico saranno protagonisti libri e scrittori. Sotto i portici di via Valobra, dalle 9,00 alle 19,00: mostra mercato del libro; nel centro storico, dalle ore 9,00 alle 12,00: celebrazioni per la Giornata della Marina. Nel pomeriggio, dalle ore 15,00 incontri con gli scrittori: presentazioni di libri e interviste agli autori; in piazza S. Agostino, dalle 15,30 animazione musicale con “Not siriusly”; in via Valobra, zona S. Rocco alle ore 16,30 Animazioni musicali a cura dell’Orchestra di tamburi e Trio Jazz del Piccolo Conservatorio; presso la Sede C.AI, via Bobba, 10 apertura al pubblico della Biblioteca del Club Alpino Italiano; presso il Museo Tipografico Rondani, via Santorre di Santarosa 12, alle ore 15.00 – 16.00 – 17.00 “Carmagnola Pop-Up”: una divertente attività dedicata ai bambini, per cimentarsi nella realizzazione di un libro animato dedicato alla città di Carmagnola, usando diverse tecniche di taglio e piegatura della carta e imparando anche a conoscere i monumenti cittadini.

“Rassegna Voci e Volti”: domenica 4 giugno, alle ore 18,15 presso piazza Antichi bastioni angolo via Porta Zucchetta: “Quattro passi in città” – passeggiata culturale nel centro storico.

“The Magical Box”: presso il cortile di Casa Cavassa, v. Valobra, 143 alle ore 21,00 due eclettici chitarristi, Gian Giacomo Parigini e Davide Sgorlon, si incontrano per un appuntamento fra suono e immagini dove modi apparentemente lontani come il flamenco, la classica e il fingerstyle, si uniscono in un canto corale che diventa colonna sonora di un racconto fra sogno e realtà.

“Carmagnola Street Food International” – La Carmagnola da bere… e da mangiare. La cultura del buon cibo in un viaggio tra i gusti tipici del nostro Paese ed alcune gustose specialità internazionali. L’iniziativa, a cura di CONF EVENTI, con il Patrocinio del Comune di Carmagnola, si terrà in piazza Mazzini, venerdì 9 giugno in orario 17,00- 24,00 e sabato 10 e domenica 11 giugno dalle ore 10,00 alle 24,00.

“Letti di Notte”: le notti bianche del libro a Carmagnola. Mercoledì 14 giugno, p.za S. Agostino ore 21,00:  incontro con lo scrittore Luca Bianchini; Giovedì 15, p.za S. Agostino ore 21,00 intervista a Giuseppe Culicchia; venerdì 16 p.za S. Agostino ore 21,00 Margherita Oggero e Bruno Gambarotta; sabato 17 ore 20,30 / 01,00 Centro Storico: spettacoli teatrali, laboratori per bambini, poesie, cinema, presentazioni di libri, mostre e tanto altro ancora

“Rassegna Voci  e Volti”: domenica 18 giugno, ore 18,15 presso il Cortile del Castello, v. Silvio Pellico “Alla scoperta dell’antico Castello” – percorso alla scoperta del Castello di Carmagnola e delle sue prigioni.

Sempre alle 18,15 presso il Cortile del Castello, “La MOM Orchestra incontra Sara Kari”.

Sara Kari è una sassofonista jazz e compositrice finlandese che ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di otto anni, per passare all’età di undici al sassofono contralto. La sua sensibilità e grande capacità d’espressione è unica ed è ancora più evidenziata dal contesto talentuoso della Mom Orchestra che l’accompagna.

  • Giovedì 22 giugno, la chiesa di S. Filippo ospita un interessante “Incontro con Vittorio Sgarbi”. Ingresso libero.
  • Il Barbiere di Siviglia”: venerdì 23 giugno, Cortile del Castello, ore 21,30: melodramma buffo in due atti di Gioacchino Rossini, sul libretto di Cesare Sterbini.
  • 180° di Musica e Storia”: due appuntamenti musicali per celebrare il 180° anniversario di fondazione della Società Filarmonica di Carmagnola – Gruppo di Musica Popolare e Amatoriale di Interesse Comunale, fondato nel 1837. Sabato 24 giugno piazza S. Agostino ore 21,00 Concerto della Banda Giovanile; domenica 25 giugno piazza S. Agostino e piazza Caravella ore 16,30 Raduno Interregionale Bandistico, sfilata nel Centro storico e al termine “concertone” finale d’insieme di tutti gli organici.
Edmondo Bertaina

Autore: Edmondo Bertaina

Condividi questo articolo su