Al Gobetti il Tony Pagoda di Iaia Forte ritorna in Italia.

Gazzetta Torino è un quotidiano online di informazione sulla città di Torino. notizie torino, concerti a torino, mostre a torino, teatro torino, news torino, sport torino, racconti brevi, torino. Gazzettatorino è il quotidiano on line di Torino: Cronaca e notizie dai principali quartieri della città, e informazioni di sport e cultura.

Tony Pagoda_Iaia Forte_0043

Iaia Forte nei panni di Tony Pagoda

Debutterà TONY PAGODA – RITORNO IN ITALIA di Paolo Sorrentino, tratto dal romanzo Hanno tutti ragione, diretto e interpretato da Iaia Forte, martedì 21 febbraio 2017, alle ore 19.30, al Gobetti. In scena con lei, Francesca Montanino. Le scene e le luci sono di Nicolas Bovey e le coreografie di Anna Redi.
Lo spettacolo è prodotto dalla Compagnia Lombardi Tiezzi in collaborazione con Pierfrancesco Pisani e OffRome.

“Alter ego di Iaia Forte, maschiaccio napoletano, cantante fanfarone, nato dalla penna di Paolo Sorrentino, Tony si è esibito davanti a Frank Sinatra e ora lo ritroviamo ad Ascoli Piceno in una debordante autocelebrazione canora”.

Tony Pagoda: camicia rossa e completo bianco, a metà tra Califano o Bongusto, improbabili capelli rossi alla Silvan, scarpe con rialzo, moglie obesa a casa, una discreta predilezione per alcool e cocaina, insomma un Cetto La Qualunque cantante.

L’ultima sua esibizione a New York si era conclusa tra le braccia di due prostitute che lo hanno rapinato e adesso Tony ricomincia il suo stralunato storytelling: passata la mezzanotte, si ritrova in un sordido ristorante ad Ascoli Piceno con la sua corista, ad impartire lezioni di seduzione, compito che si fa più complesso e delicato quando “non si è belli”. Del resto una sola, semplice verità gli è chiara: per affascinare le donne bisogna padroneggiare le parole, a costo di stordire l’uditorio. Tra fiumi di champagne, delusioni amorose, battute fulminanti e riflessioni malinconiche, l’ironia e la complessità di questo personaggio si delineano con ulteriori sfaccettature, regalandoci “perle di saggezza” e una disperata, calda vitalità in un’Italia senza stelle in cielo.

Redazione GT

Autore: Redazione GT

Condividi questo articolo su